Amazon.it

Pompeo Giustiniani. Maestro di campo della Venezia del sospetto


Data»  11/2011.
Lingua»  ITA.
Pagine»  358 KB – 98.
Prezzo»  0,99€7€.
Versione»  III, aggiornata.
Acquista su in
versione digitale o cartacea.

Un conflitto incredibile quello divampato tra Graz e Venezia tra il 1615 e il 1617. Una guerra – esaminata, in questo contesto, prevalentemente da parte della Repubblica – voluta per talmente tante ragioni da rivelarsi inevitabile. Innanzitutto: quale fu la causa scatenante? Più d’una, una sola formale e certa: i pirati cristiani uscocchi e la loro personale guerra santa contro il Turco. Sì, ma non solo. La signorìa del golfo, ovvero la libertà/non libertà di navigazione in Adriatico, rivendicata una dai veneti e l’altra dagli arciducali. Inoltre, il proponimento della città lagunare di svincolarsi dall’accerchiamento dinastico degli Asburgo, l’ambizione del duca di Savoia e la guerra di corsa del viceré di Napoli. E ancora Gradisca, Marano, Palma, ecc, fu una questione di confine, politica, di prestigio personale, danaro o che altro ancora?

In questo breve saggio storico è stata trattata la guerra di Gradisca e i fatti che l’hanno generata; l’organizzazione militare della Serenissima – dalle guerre d’Italia alla guerra di successione di Mantova – e, naturalmente, alcuni momenti della vita del maestro di campo Pompeo Giustiniani: mercenario genovese – megalomane e sicuro di sé, a ragion veduta, dopo ventisei anni di stimato servizio alla corte di Spagna – il quale pretendeva solamente onore. Onore però che al campo veneto non gli venne tributato. Infatti, per quanto apprezzato dai comandanti civili, i suoi subordinati si dimostrarono restii a considerare sul loro medesimo piano – figuriamoci al di sopra! – un “non veneziano” che dal senato non riusciva a ottenere una patente di riconoscimento: un semplice, quanto rilevante, pezzo di carta che ne imponesse l’autorità ai sottoposti.

Pompeo Giustiniani morì al servizio della Repubblica – così come suo padre e suo zio prima di lui – stimato – anche da chi lo fronteggiava – eppure abbandonato; incastrato nei meccanismi di una Venezia del sospetto che non poteva concedere a nessun capitano l’onore e onere di essere considerato «supremo».


Il libro è disponibile in formato e-book (MOBI) così come in brossura. Il formato digitale, DRM free e ottimizzato per Amazon Kindle, è acquistabile al prezzo di 0,99€ cliccando qui [scarica versione digitale]. Il formato cartace è invece acquistabile al prezzo di 6,19€ cliccando qui [acquista versione cartacea].


Bibliografia

A. Battistella, Un ignoto narratore della guerra gradiscana 1615-1617, in Atti del reale istituto veneto di scienze lettere ed arti, anno accademico 1927-1928, Tomo LXXXVII, II, Venezia, s.n.,1928, pp. 303-320.
A. Ferrante, A. Prelli (a cura di), La fortezza di Palma. Nella guerra fra la serenissima repubblica veneta et gli arciducali di casa d’Austria – seguita da dicembre 1615 fino all’ottobre 1617 – così detta gradiscana. Dai dispacci del provveditore generale a Palma, Francesco Erizzo e del Pompeo Giustiniani comandante supremo al campo, vol. 31/32/37/38, Palmanova, s.n., 1978-1980.
A. Tenenti, L’età moderna, Bologna, Il Mulino, 1997.
A. Tenenti, Venezia e i corsari, 1580-1615, Bari, Laterza, 1961, pp. 13-28.
B. Rith, Commentari della guerra moderna già passata nel Friuli e ne’ confini dell’Istria e di Dalmatia incominciando dall’anno 1615 infin al 1618, Trieste, s.n.,1629.
C. von Clausewitz, Della guerra, Roma, BUR, 2009.
C. W. Bracewell, The uskoks of Senj : Piracy, Banditry, and Holy War in the Sixteenth-century adriatic, Ithaca [New York], Cornell University Press, 1992.
D. Čeč, D. Darovec e P. Kavrečič, Le fortificazioni sul confine veneto-asburgico nel Capodistriano, in M. Gaddi e A. Zannini, ‘Venezia non è da guerra’. L’isontino, la società friulana e la Serenissima nella guerra di Gradisca (1615-1617), Udine, Forum, 2008, pp. 243-258.
E. Bartolini e F. Bianco, Storia di laguna, Udine, Casamassima, 1984.
E. Paoletti, Il fiore di Venezia: ossia, i quadri, i monumenti, le vedute ed i costumi, I, Venezia, s.n., 1837, p. 242.
F. Bianco, La crudel zobia grassa, Gorizia, LEG, 2010.
F. Cavalli, Bioarcheologia dell’esercito veneziano all’epoca della guerra di Gradisca. Storie di denti, malattie e vita quotidiana, in M. Gaddi e A. Zannini, ‘Venezia non è da guerra’. L’isontino, la società friulana e la Serenissima nella guerra di Gradisca (1615-1617), Udine, Forum, 2008, pp. 71-88.
F. Moisesso, Historia dell’ultima guerra nel Friuli, di Faustino Moisesso: episodi scelti, Gorizia, s.n., 1959.
F. Moisesso, Historia dell’ultima guerra nel Friuli, Venezia, s.n., 1622.
F. P. Oriundi, I Corsi nella fanteria italiana della serenissima repubblica di Venezia, Venezia, Tipografia Ferrari, 1912.
F. P. Oriundi, Pompeo Giustiniani capitano generale della serenissima repubblica di Venezia: cenni desunti da documenti originali ed inediti, 1569-1616: lettura accademica tenuta nell’Ateneo Veneto la sera del 26 febbraio 1913, Venezia, V. Callegari, 1914.
F. Seneca, La politica veneziana dopo l’interdetto, Padova, Liviana, 1957.
G. Bentivoglio, Della guerra di Fiandra, III, in Opere storiche del cardinale Bentivoglio, Milano, s.n., 1806, pp. 390, 413, 420, 423, 425, 428, 445, 458, 465, 474.
G. Bentivoglio, Lettere diplomatiche, I, Torino, s.n., 1852, pp. 38-39.
G. Cozzi, Dalla riscoperta della pace all’inestinguibile sogno di dominio, in G. Benzoni e G. Cozzi (curatori), Storia di Venezia. Dalle origini alla caduta della Serenissima. La Venezia barocca, VII, Italia, Treccani, 1997, pp. 3-23.
G. Cozzi, Venezia barocca, conflitti di uomini e idee nella crisi del Seicento veneziano, Venezia, Il cardo, 1995, pp. 7-15, 121-158.
G. D. della Bona, Osservazioni ed aggiunte di G. D. della Bona sopra alcuni passi dell’istoria della contea di Gorizia di Carlo Morelli di Schönfeld, IV, Gorizia, Premiata Tipografia Paternolli, 1856, pp. 88-98.
G. Mann, Wallenstein, Firenze, Sansoni, 1981, pp. 105-110.
G. Trebbi, Il Friuli dal 1420 al 1797. La storia politica e sociale, Udine, Casamassima, 1998.
G. Trebbi, Il ritratto di Marco Trevisan e Nicolò Barbarigo donato a Riccardo di Strassoldo, in M. Gaddi e A. Zannini, ‘Venezia non è da guerra’. L’isontino, la società friulana e la Serenissima nella guerra di Gradisca (1615-1617), Udine, Forum, 2008, pp. 187-205.
G. Trebbi, Wallenstein al campo di Gradisca. Una testimonianza veneziana, Trieste, Quaderni giuliani di storia, 2007, pp. 445-453.
H. Pirenne, Storia d’Europa. Dalle invasioni al XVI secolo, Roma, Newton & Compron editori, 1999.
J. R. Hale, L’organizzazione militare di Venezia nel ‘500, Trento, Einaudi, 2010.
M. Giustiniani, Lettere memorabili, I, Roma, s.n., 1667, pp. 561-564.
M. Giustiniani, Lettere memorabili, II, Roma, s.n., 1669, pp. 82-91.
M. Pia Pedani, Breve storia dell’impero ottomano, Roma, Aracne, 1990.
P. Antonini, Il Friuli orientale, Milano, dott. Francesco Valardi Tipografo-Editore, 1865, pp. 302-310.
P. Del Negro, La fortuna della guerra di Gradisca nelle storie generali veneziane tra il secondo Seicento e il primo ventennio del Novecento, in M. Gaddi e A. Zannini, ‘Venezia non è da guerra’. L’isontino, la società friulana e la Serenissima nella guerra di Gradisca (1615-1617), Udine, Forum, 2008, pp. 339-347.
P. Del Negro, La guerra e la sua evoluzione tecnica, in Storia moderna, Roma, Donzelli, 2003, pp. 183-200.
P. Del Negro, La milizia, in G. Benzoni e G. Cozzi (curatori), Storia di Venezia. Dalle origini alla caduta della Serenissima. La Venezia barocca, VII, Italia, Treccani, 1997, pp. 509-529.
P. Sarpi (a cura di F. T. Roffaré), La storia degli uscocchi in Antologia degli scritti politici e storici, Padova, CEDAM, 1937, pp. 37-40.
P. Sarpi (a cura di Gaetano e Luisa Cozzi), ‘Trattato di pace et accomodamento’ e altri scritti sulla pace d’Italia. 1617-1620, Torino, Einaudi, 1979.
P. Sarpi, Storia degli uscochi, scritta da Minucio Minuci, continuata da fra’ Paolo Sarpi, Fiume, Mohovich, 1871.
Paolo Sarpi (a cura di Gaetano e Luisa Cozzi), La Repubblica di Venezia. La casa d’Austria e gli uscocchi. Aggionta e supplimento all’istoria degli uscochi. Trattato di pace et accomodamento, Bari, Laterza, 1965, pp. 7-70.
R. Caimmi, La guerra del Friuli, altrimenti nota come guerra di Gradisca o degli uscocchi, Gorizia, LEG, 2007.
S. Cavazza e D. Porcedda, Le contee di Gorizia e Gradisca al tempo di Marco d’Alviano in W. Arzaretti e M. Qualizza, Marco d’Alviano, Gorizia e Gradisca, Gorizia, Fondazione ‘Società per la conservazione della basilica di Aquileia’, 1998, pp. 80-126.
V. Sandi, Principî di storia civile della Repubblica di Venezia, III-II, Venezia, Sebastian Coleti, 1756, pp. 937-940.
V. Santon, Pompeo Giustiniani, maestro di campo a Gradisca in M. Gaddi e A. Zannini, ‘Venezia non è da guerra’. L’isontino, la società friulana e la Serenissima nella guerra di Gradisca (1615-1617), Udine, Forum, 2008, pp. 35-48.

24 novembre 2011